Da «CENTOFIAAABE!», versione illustrata de «Il Drago Racconta», Guido Sperandio, e-BOOK

Copia LULU e39ba6bf-c0e0-4a75-b7b6-183d58fc6d1f

La mia gatta Chicca
Un gatto che si rispetti ama gli uccellini.
Il suo è un amore particolare, lo stesso che noi nutriamo per i buoni cioccolatini ripieni, i bocconcini prelibati e certi dolcetti golosi e succulenti.
La mia gatta Chicca, sotto questo aspetto, sentiva per gli uccellini un uccelliniaffetto smisurato. All’alba, al primo trillo, drizzava un orecchio e poi l’altro. D’un balzo era alla finestra. E presa visione della situazione, saltava in giardino, incurante del rischio di atterrare rovinosamente. La finestra infatti si trovava al primo piano. Passava ore acquattata tra i cespugli, in agguati, la cui puntuale conclusione era il volo beffardo di un uccellino che piantava Chicca baffi all’aria.
Un giorno, un merlo, zufolando e trillando, arrivò alle sue spalle a zampettarle quasi sulla coda. Chicca, occhi socchiusi, acciambellata, lo ignorò: non fece il minimo cenno di registrarne la presenza. Mi resi conto che con gli anni era diventata sorda.
Da allora, gli uccellini le si posano attorno, allegri e cinguettanti, come se lei fosse San Francesco.
Mentre lei se ne sta lì, ignara.
Finché gli occhi le si chiudono e s’addormenta. A sognare, certamente, i bei trilli di una volta, quando gli uccellini erano uccellini.
Non muti… come quelli d’oggi.

← per tornare all’inizio (home)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...