Le Note del Gufo, 33-34

33.
Sarà una mia impressione ma ho la sensazione che i vecchi siano i più impazienti. Se vogliono una cosa, la devono avere e subito, costi quel che costi. Probabilmente hanno dentro instillato che potrebbero mancare da un momento all’altro, non hanno tempo di aspettare, sarà per questo, immagino.
Di conseguenza ho anche capito perchè in Comune c’è lo sportello apposta che gli dà la precedenza.
Visto che potrebbero morire da un momento all’altro, che almeno possano presentarsi a chi di dovere una volta al di là, con la nuova carta d’identità elettronica aggiornata e tutti i documenti a posto.

34.
I generali aspettano solo di fare la guerra, ed è logico, se no cosa ci stanno a fare?
Altrettanto i chirurghi aspettano solo di tagliarti, il che è pure logico, infatti, se no, anche loro, cosa ci stanno a fare?
C’è solo un unico piccolo dettaglio: che la pelle non è la loro, ma degli altri.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in LE NOTE DEL GUFO. Contrassegna il permalink.

27 risposte a Le Note del Gufo, 33-34

  1. quasi40anni ha detto:

    Ciao Guido! Ben ritrovato! Almeno c’è qualche vantaggio nella senilità, mi rincuoro. Nel Comune del mio paesello meridionale la carta elettronica non è ancora arrivata, ma forse siamo noi meridionali a non arrivare…

    Piace a 1 persona

    • Guido Sperandio ha detto:

      Grazie a te, io notturno tu mattiniera, lo stesso ci si ritrova. A suo modo, anche questo è un paesello. E a questo proposito… dalla carta elettronica al chip nel lobo nell’orecchio il passo è breve, e stai tranquilla che quel giorno anche i paeselli meridionali arriveranno ad essere perfettamente allineati… o no?! 🙂

      Piace a 1 persona

  2. Elish_Mailyn ha detto:

    eccoti… bentornato…😊
    bello tornare a leggerti…💙😘

    Piace a 1 persona

  3. Enri1968 ha detto:

    Ciao!
    Buongiorno!
    Ho sorriso: impazienza e la pelle ma degli altri.

    Piace a 1 persona

  4. Ghiandaia blog ha detto:

    Ci mancavi, buona giornata. Anch’io faccio le cose con premura! 😍💚

    Piace a 1 persona

  5. Pendolante ha detto:

    Ecco perchè io non ho mai fretta… ho tanto tempo davanti a me ancora 😉

    Piace a 1 persona

  6. Pupazzovi ha detto:

    Ben ritrovato, piacere di leggerti di nuovo

    Piace a 1 persona

  7. 65luna ha detto:

    Ma che bello leggerti! Comunque hai ragione, condivido il tuo pensiero, buona giornata! 65Luna

    Piace a 1 persona

  8. Paola C. ha detto:

    Bentrornato caro Guido! Come al solito mi hai fatto sorriedere!! 🙂

    Piace a 1 persona

  9. Neda ha detto:

    Ciao Guido. Mi hai ricordato quel tizio che diceva:
    Quando sono ammalato vado dal medico e lo pago perché anche il medico deve vivere, poi vado dal farmacista e compero le medicine, perché anche il farmacista deve vivere, poi vado a casa butto le medicine, perché anch’io devo vivere.
    Lo sai quando si diventa vecchi? Questo lo dico io: -quando si è costretti a prendere le prime medicine che, tramite tutti i loro effetti collaterali, innescano quel circolo vizioso per cui sei costretto ad aggiungerne sempre di più-
    Buona serata Guido e speriamo in bene.

    Piace a 1 persona

  10. Giorgiana Bratu ha detto:

    Un ritorno questo tuo, in saggia allegria. 🙂 Riesci sempre a farci sorridere.
    Buona serata, caro Guido!

    Piace a 1 persona

  11. Verissimo. I vecchi in fila al supermercato o alle poste cercano di superarti a ogni occasione. Il loro alito sulla nuca è una costante…

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.